La scrittrice di moda e stile Bronwyn Cosgrave fa la corrispondente dalla sua città natale di gossip a Bloor Street e in tutti i punti ad ovest

Già nel 1980, crescendo a Toronto, Bloor Street era conosciuta come “il miglio del visone”. Il nome allude al modo di vestire dell’alta società, abituale frequentatrice delle boutique di lusso e degli eleganti ristoranti che costeggiano questa strada di negozi di lusso, che si pone come l’equivalente canadese della Fifth Avenue.

I punti di riferimento dello shopping di Bloor Street sono ancora di livello mondiale. Il grande magazzino di lusso Holt Renfrew si oppone a Bergdorf Goodman, e l’Harry Rosen, emporio maschile di più piani, è alla pari con Harrods in quanto alla raffinatezza dei prodotti. Nel frattempo, le Manolo, le Louboutin e le Charlotte Olimpia esposte da David, un negozio-galleria di scarpe, manderebbero in estasi Sarah Jessica Parker.

Oggi, però, questi vecchi negozi di successo sono fianco a fianco con i nuovi vicini alternativi. Come ho già notato nelle ultime occasioni di ritorno a casa, tutta la zona del centro di Toronto sta vivendo una sorta di rinascita. Non è niente male il fatto che il Toronto Film Festival sia ora secondo solo a Cannes a livello di glamour globale.

Il boom di sviluppo che anima il quartiere glamour del centro di Toronto comprende la recente apertura del Four Seasons Hotel Toronto a Yorkville, enclave dello shopping a nord di Bloor. Con esso è arrivato il primo ristorante Daniel Boulud del Canada, Café Boulud, vera succursale della migliore trattoria di Toronto, la Buca.

Mangiare qui è probabilmente più facile che beccare un tavolo libero alla Buca, la cui posizione originaria è in centro, in King St W, per cui è necessario prenotare almeno con due settimane di anticipo. Il posto più costoso del centro di Toronto comprende strade che si spingono ad ovest della maestosa University Avenue, tra le quali la stessa King West, sede del “quartiere del divertimento” della città, con teatri, locali per la ristorazione e lo stadio Rogers Centre.

Chi va a passeggio troverà anche i quartieri più vivi situati lungo Queen, Dundas e College. Queste strade lunghe e strette sono caratterizzate da pittoreschi edifici residenziali, originali gallerie d’arte, boutique alternative e uno scenario gastronomico delle comunità etniche che originariamente abitavano la zona (scegli di mangiare cinese in Dundas Street West, e cerca la Little Italy di Toronto a College Street West).

Queen Street West, a proposito, offre un mix eclettico della cucina mondiale e punti di ritrovo hipster, come The Drake Hotel (equivalente di Toronto dello Standard). E potrai trovare anche delle pasticcerie eccezionali – vale a dire, Dufflet e Nadege.

Con l’apertura del Bell Lightbox nel 2010, il Toronto Festival ha messo il centro città sulla mappa dei cinefili. Il Film International Journal classifica giustamente “spettacolare” questo complesso multimediale di cinque piani e da 140 milioni $. Qui, lo stato dell’arte del cinema vanta un programma finemente selezionato di film d’essai, retrospettive e nuove uscite. Due gallerie di esposizione rivelano l’arte della produzione cinematografica e gli chef affermati Peter Oliver & e Michael Bonacini guidano l’O&&B Canteen e il Luma, ristoranti della Lightbox dai prezzi accessibili.

Il lancio di questo hub multimediale minimalista ha stimolato un’ondata di aperture di hotel a cinque stelle nelle vicinanze – tra cui il Trump Tower, un nuovo Ritz Carlton e un nuovo Shangri-La, sede del ristorante asiatico fusion di David Chang, il Momufuku.

Il lancio ha anche coinciso con il restauro della Hudson’s Bay Company, acquistata e trasformata da un costruttore americano. La nuova boutique “Room”, all’interno dello storico grande magazzino, diffonde oggi la moda di grandi marchi leggendari come Azzedine Alaia, così come molti dei demi-couturiers di Londra, tra cui Christopher Kane, Erdem, Giles, Jonathan Saunders e Roksanda Ilincic. Inoltre, grazie all’apertura nell’Eaton Centre ci sono i grandi magazzini americani Nordstrom e Saks Fifth Avenue.

Dopo lo shopping nella “Room” del Bay, spesso mi concedo la Body Blitz Spa. Questa spa per sole donne promuove la “salute con l’acqua”, con un circuito che combina un bagno in piscine di acqua salata del Mar Morto, seguito da immersioni rinvigorenti in acqua ghiacciata e un intervallo di relax in bagno turco e sauna. Come la maggior parte degli eccellenti locali alla moda di Toronto, le strutture del Body Blitz sono immacolate e il servizio è professionale.

Foto: mbbirdy/Vetta/Getty Images

Offerte hotels

Offerte e sconti in tutto il mondo per i nostri Clienti