Per i viaggiatori esperti, il massimo della destinazione per una vacanza è quella che nessun altro conosce. Catherine Fairweather, giornalista di viaggi della rivista Porter ed esperta di lusso e di viaggi avventurosi, elenca le cinque destinazioni di vacanza incontaminata

Mio padre, un diplomatico, ha condiviso i suoi difficili incarichi portandomi sempre in viaggio con lui. Tra questi incarichi, le vacanze preferite dai miei genitori erano in tenda sotto le stelle, dormendo su spiagge dimenticate in angoli nascosti sparsi per il globo, dal Mediterraneo alla Malesia.

Forse questo spiega perché, in 20 anni di carriera come redattrice di viaggi e giornalista, tendo a essere attratta dalle frontiere selvagge dove c’è il brivido di un’avventura che aspetta di accadere e di una storia di essere raccontata. Per quanto mi piacciano il buon cibo, il vino, la moda e un cuscino comodo, sono le istantanee e i ricordi dei miei viaggi che mi danno l’ispirazione: pellegrinaggi all’alba fino all’Adam’s Peak nello Sri Lanka, rafting sulle inesplorate acque bianche nella British Colombia, incontri con i gorilla in Uganda, o salti da un’isola all’altra in Grecia.

Fortunatamente sto attingendo lo spirito del tempo: “viaggio esperienziale” è la parola d’ordine dei viaggi del 2015. Il lusso non vuol dire più infinity pools, lenzuola preziose e metratura della suite presidenziale. È tutta una questione di spingersi fuori dai sentieri battuti e scoprire, nell’esplorazione, qualcosa di te stesso. Soprattutto, si tratta di tornare a casa con una storia da raccontare. Ecco quindi la mia selezione delle cinque destinazioni in cui è ancora possibile andare a caccia di vere avventure.

1. Himalaya, India

Lo Shakti Himalaya è il non plus ultra dei viaggi per anime inquiete. Avventurarsi nelle maestose e solitarie regioni indiane himalayane del Sikkim, Kumaon e Ladakh in diversi periodi dell’anno, dopo lo scioglimento dei ghiacciai o la pioggia, che ci si sposti a piedi, sul dorso di un mulo, in auto a quattro ruote motrici o su zattere. L’alloggio è previsto in campi meravigliosamente attrezzati o in alloggi di famiglie che avrai tutti per te. Queste case del villaggio sono ancora di proprietà della gente del posto, ma sono state affittate da Shakti e sono state rinnovate, con tende di canapa, materassi immacolati e stufe a legna, oltre che personale e cuochi incredibili a disposizione.

2. Nihiwatu, Indonesia

Grazie alla sua famosa “rottura a sinistra”, la spiaggia ex paradiso dei surfisti, Nihiwatu , attrae da anni persone in cerca di adrenalina. Dalla sua scoperta, avvenuta una trentina di anni fa, tuttavia, è stato costruito anche un resort incredibile, con sole 32 ville nei ben 230 ettari totali. Il resort porta avanti con successo progetti sostenibili per l’ambiente e per le tribù Sumbanesi locali, offrendo agli ospiti l’esperienza unica di vivere il lato selvaggio. Cavalca le onde, galoppa sulla due lunghe miglia di spiaggia sabbiosa, nuota nelle cascate, fai escursioni nella giungla dei dintorni e pesca pesci wahoo nell’oceano da arrostire sul barbecue sulla spiaggia. Bali era così prima di essere scoperta.

3. Kalahari, Botswana, Africa

San Camp è l’ultima aggiunta alla collezione Uncharted Africa di casette con tende costruite nelle saline di Magkadigaki e di fronte al paesaggio cangiante e schiarito del deserto del Kalahari. Stare qui è come godersi un safari, con una differenza: respirerai l’immensità del paesaggio e del cielo, ma, allo stesso tempo, ti concentrerai sui dettagli minori. Vai alla scoperta dei fossili con la tribù San, cavalca sulla crosta terrestre in quad, tira fuori il sacco a pelo sotto le stelle vicino a un baobab di 2.000 anni e trascorri la mattina a familiarizzare con i suricati.

4. Harahorn, Hemsedal, Norvegia

Il villaggio di Harahorn si trova in uno dei paesaggi montani più belli e incontaminati della Norvegia. Fuori dalla tranquilla località sciistica di Hemsedal, 1.100 metri sopra il fiume ghiacciato, troverai un gruppo di belle case in legno e pietra e di vecchi chalet costruiti attorno ai pini e agli abeti di una tenuta reale. Con la neve fino ad aprile e la luce del sole fino a sera, questo è il posto giusto per lo sci di fine stagione. Scegli tra la discesa a Hemsedal, o una vasta rete di piste per lo sci di fondo che si snoda fuori dal villaggio, con la possibilità di prendere parte a spedizioni di uno o due giorni nel deserto bianco. Non ti senti abbastanza dinamico? Imbottisciti con una pelliccia comoda e preparati a esplorare laghi e fiumi ghiacciati dall’inverno a bordo di slitte trainate da squadre di husky. Tornato ad Harahorn, sarai accolto da un fuoco scoppiettante e da alcuni dei migliori prodotti alimentari della Norvegia del Nord (trota di fiume delle acque sottostanti e carne di renna marinata in bacche di ginepro di montagna). D’estate, quando il sole non scende mai sotto l’orizzonte, è il posto ideale per sedersi e meditare o fare un’escursione nei prati di fiori selvatici che sbocciano a ventaglio intorno alle capanne.

5. Bab Ourika, Montagne dell'Atlante, Marocco

A soli 45 minuti di auto da Marrakech, ma un mondo intero distante dal caos e dalla frenesia della medina, il tranquillo e isolato rifugio di Bab Ourika si trova tra gli aranceti e le olive di una ex roccaforte di montagna. Le pareti sono fatte di terra battuta e gesso levigato, e le terrazze hanno una vista incredibile sulle cime innevate dell’Atlante, il Parco Nazionale di Tassa Ouirgane (con le tradizionali miniere di sale), e il verde smeraldo della valle di Ourika, che crea un varco nello sterile paesaggio roccioso. È un posto per riposare, mangiare e, se ne hai voglia, camminare per giorni con le guide di Bab Ourika.

Offerte hotels

Offerte e sconti in tutto il mondo per i nostri Clienti