David Bezmozgis vive a Toronto da quando aveva sei anni, ma non si è mai abituato all'inverno

Non essendo mai stato un grande fan dell’inverno, né nella mia nativa Lettonia, tanto meno in Ontario, mia patria d’adozione, non vedo l’ora di godermi l’estate di Toronto, quando si riacquista familiarità con se stessi, i propri amici e vicini di casa. Il mio modo preferito per farlo è andare in uno dei mercati ortofrutticoli che sono spuntati in tutta la città. Non ci vado tanto per il cibo quanto per il senso di comunità che vi si respira, essendo il mercato il nostro equivalente urbano del giorno di mercato in un paesino. A chi visita Toronto, il mercato offre una vista unica della città.

A due isolati da casa mia, sul lato ovest di Toronto, ci sono gli Artscape Wychwood Barns, hangar di tram vecchi di un secolo che sono stati convertiti per ospitare numerosi studi di artisti, gallerie e organizzazioni non-profit, oltre a bancarelle alimentari per gli agricoltori. Il mercato è aperto tutto l’anno, ma vive il suo periodo migliore quando il clima è caldo e le bancarelle si liberano del tetto di vetro per spargersi intorno all’edificio. L’atmosfera è vivace. I bambini scorrazzano per i corridoi e si arrampicano nel parco giochi adiacente alla piscinetta. Ci sono uno spazio per i cani, un campo da beach volley e musica dal vivo – jazz Dixieland o klezmer Ashkenazi, qualcosa di idealmente compatibile con cheddar artigianale di pecora del Foodsmythe e focaccine senza glutine di Delish Kitch. Toronto è giustamente ritenuta una città multiculturale, e le proposte del mercato lo dimostrano. Puoi prendere un barattolo di sottaceti armeni di Toorshi per 7,75 $ o un piatto di Momos, ravioli tradizionali tibetani, per 5 $.

Sul lato est della città, ci sono i Brick Works, altro spazio industriale recuperato (alcune delle fornaci di mattoni e dei binari originali sono stati conservati.) Gestiti dall’Evergreen, un’associazione di ambientalisti volontari, i Brickworks sono più grandi dei Barns e, come il mercato ortofrutticolo, hanno gruppi di musica folk, venditori ambulanti, un grande giardino per bambini e una mostra dedicata alla vita urbana sostenibile. Ironia della sorte, i Brickworks sono stipati tra la Don Valley Parkway e un burrone, per cui la maggior parte delle persone è costretta ad andarci in macchina. (Ci sono navette che partono dalla stazione della metropolitana di Broadview.) Un visitatore ambizioso, tuttavia, potrebbe fare colazione ai Wychwood Barns, andare in bicicletta lungo il viale alberato Kay Gardner Beltline, attraversare lo storico Mount Pleasant Cemetery, e, dopo aver bruciato tutte quelle calorie, vedere emergere i Brickworks per pranzo. (Noleggio bici con Bike Share Toronto.) Lo consiglio. La bicicletta è il mezzo migliore per visitare Toronto in primavera, ma questa è un’altra storia.

David Bezmozgis è un romanziere e drammaturgo premiato, il cui libro, The Betrayers, è ambientato in Ucraina

Offerte hotels

Offerte e sconti in tutto il mondo per i nostri Clienti