Due volte l'anno, le capitali mondiali della moda ospitano una serie di spettacolari sfilate dei migliori designer, con la più sontuosa di tutte che si svolge a Parigi. L'esperta di moda Maria Esposito spiega come i visitatori possono viverne tutta la magia nella sua guida alla Settimana della Moda di Parigi

La moda sta a Parigi come il jazz sta a New Orleans. Si tratta, dopo tutto, della città che ci ha dato Coco Chanel, Yves Saint Laurent e Christian Dior; è la patria dell’alta moda; ed è ’la fucina dei futuri designer di tutto il mondo.

Nei mesi di febbraio e settembre, la città si anima in un modo unico. Parigi è il culmine di quattro settimane di sfilate che prendono il via a New York, seguita a stretto giro da Londra e Milano, settimane conosciute come Mese della Moda. Senza Parigi, non ci sarebbe l’attesissimo spettacolo di Chanel al Grand Palais a chiusura del Mese della Moda; e nessun evento sfarzoso di Louis Vuitton ad alzare la posta della manifestazione. La città si trasforma: sciami di fotografi popolano le Tuileries, alla caccia disperata di una grande foto street-style di Giovanna Battaglia e Anna Dello Russo di Vogue Giappone, per esempio, che vanno a braccetto al favoloso spettacolo successivo.

Mentre New York è patinata, Londra è eccentrica e Milano è glamour, Parigi continua a impersonare lo spettacolo puro. E mentre l’industria della moda lavora sodo, i visitatori della città si prendono tutto il divertimento della fiera senza sgobbare minimamente. Ecco come vivere e respirare la moda durante il vostro soggiorno nella Settimana della Moda…

Dove mangiare e bere

Tra il fascino degli spettacoli, il corredo di giornalisti, fotografi e influencer di moda provenienti da tutto il mondo, cerca i luoghi tranquilli e senza pretese dove startene un po’ in pace. E in questa città alla moda, non manca l’eleganza che sfugge ai radar. Il Café Ruc, a due passi dal Louvre, è uno dei migliori in assoluto: il suo cheeseburger è un rimedio a tutti i mali (i cheeseburger potrebbero non sembrare molto “fashion”, ma dai uno sguardo più attento e ti accorgerai che i camerieri follemente belli indossano tutti Maison Martin Margiela – niente abiti da lavoro ordinari).

A pochi passi di distanza, sulla famosa Rue Saint Honore, troverai Le Castiglione, attualmente il posto più in per mangiare. Situato all’angolo di Place Vendôme, proprio di fronte alla Tuileries, la sua squisita cucina francese è tra le migliori della città. Dopo una giornata frenetica tra sfilate interminabili e conferenze stampa (i più fortunati hanno un’auto che li porta in giro, noialtri ci andiamo a piedi), un piatto di bistecca e patatine è il paradiso – quale modo migliore per meditare sulla nuova stagione?

Ma anche il circo della moda ha bisogno di riposo. Per questo, si può fare un salto oltre Pont Neuf, sulla Rive Gauche e Saint-Germain-des-Prés. Qui troverai tutti i principali giornalisti di moda europei, assiepati all’interno del Café de Flore, la famosa caffetteria francese tradizionale situata sul Boulevard Saint-Germain. (NB: ci sono molti ristorantini nei dintorni, quindi vale la pena dare un’occhiata in giro quando si è lì.)

Dove alloggiare

Naturalmente, quando si tratta di alberghi, ci sono anche i grandi classici. Le Bristol, in Rue du Faubourg Saint-Honoré, è l’alloggio preferito dai giornalisti. Un grande albergo storico, che offre una splendida vista sulla città, per non parlare del ristorante tre stelle Michelin e delle splendide aree per pranzare all’aperto. Inutile dire che si trova a pochi minuti a piedi dalle boutique più prestigiose della città: ci troverete Hermès, Givenchy e Gucci proprio lì in strada.

Dove fare shopping

Come sanno i veri amanti di Parigi, la bellezza di fare shopping in questa città sta nella grande scelta. Il Marais – uno dei quartieri più alla moda della città – è sede di una serie infinita di incantevoli boutique indipendenti. Qui troverai i protagonisti più giovani del circo della moda in cerca di chicche. Dai negozi di gioielli eccentrici ad accessori, a designer affermati ed emergenti e gallerie d’arte, nella zona c’è un fermento che non si trova altrove. Forse uno dei suoi posticini segreti meglio custoditi è lo Studio W: un negozietto dove, tra i tanti tesori, potrai trovare Yves Saint Laurent vintage e Courrèges. Quando si è a Parigi, non è mai una cattiva idea prendere un pezzo di storia della moda.

E come essere immortalati da un fotografo street style.

Naturalmente, questi reperti unici, insieme ai nuovi abiti fuori dalle passerelle indossati dalle persone più importanti delle sfilate, sono spesso quelli che i fotografi street-style si precipitano a immortalare (con i Courrèges vintage che rappresentano l’apoteosi del cool). Il fenomeno dello street style fu inaugurato dal noto fotografo Bill Cunningham, con Tommy Ton che ora scatta per Style.com ed è uno dei suoi seguaci di maggior talento – e trova la sua massima espressione a Parigi.

Una volta rintracciato il tuo pezzo vintage unico, punta dritto al Jardin de Tuileries. Vacci nel periodo delle sfilate di Valentino (consiglio dell’esperto: trovi il calendario on-line su modeaparis.com) per sperimentare lo spettacolo in tutto il suo splendore. Da Clémence Poésy e Alexa Chung a Jennifer Lopez e Kim Kardashian, questi sono il momento e il luogo migliori per vivere al meglio la Settimana della Moda a Parigi. E chi lo sa, Bill Cunningham potrebbe anche puntarti l’obiettivo addosso.

Foto Martine Doucet / Getty images

Offerte hotels

Offerte e sconti in tutto il mondo per i nostri Clienti